Crea sito

Angel cake vaniglia e cacao | a modo mio

Angel cake vaniglia e cacao | a modo mio

12512770_10207860478021535_8224538935851395437_n

Non so se capita anche a voi di salvare mille e mila ricette , magari avete anche la memoria del cellulare intasata ( come capita a me ) di ricette da provare e poi quando avete il tempo di sfornare qualcosa , ecco che non sapete cosa fare.

Bene , questo è successo a me l’altro giorno. Praticamente dovevo preparare un dolce all’ultimo minuto per la colazione (visto che venivano anche delle amiche a trovarmi quindi ogni scusa è buona per sfornare) e puntualmente mi ritrovo a non saper cosa fare. Avete presente quando in mente avete tante idee per la testa , ma non riuscite a metterne in atto manco una ? Tipo io in questo periodo ho in mente dei dolci da provare : delle tortine carote e mandorle , muffin mirtilli , torta variegata al cacao e angel cake ( a questo punto in mente erano quattro .. anche se in questo momento me ne vengono in mente altre .. ma dettagli ) 

12494864_10207860476421495_6494850811032155062_n

Quindi all’inizio l’idea era andate a istinto : avevo già visto la farina di mandorle .. però non avevo le carote.

Quindi nulla.

Avevo comprato da poco dei mirtilli .. però avevo già scritto da poco la ricetta dei muffin al cappuccino ..

Quindi nulla.

Così ho pensato alla torta variegata al cacao , però non sapevo se farla con il latte o con lo yogurt , senza uova o senza tuorlo , senza quello , senza quell’altro.

Niente , sono andata in tilt.

Alla fine ho pensato all’ Angel cake e .. t’oh! quasi quasi..

Vado a vedere la ricetta originale e…miii! Quanto zucchero! Capisco il fatto che non abbia burro e olio , però daglie de indice glicemico! Allora mi son detta..ma se provo a dimezzare lo zucchero? E se magari ci aggiungo una nota di cacao? 

Pensa che ti ripensa il tutto mi porta in mente alla torta variegata cacao , penso alla vaniglia che adoro , riguardo la ricetta dell’Angel cake e…sento già il suono delle fruste elettriche che mi chiamano.  

STORIA DELL’ANGEL CAKE

12523989_10207860481781629_725257513895487994_n

L’Angel cake è un tipo di pan di spagna fatto con i bianchi d’uovo montati a neve senza aggiunta di burro. Originaria degli Stati Uniti è diventata popolare nel tardo 19 ° secolo ed ha guadagnato la sua buona reputazione grazie agli ingredienti che la compongono dando vita ad un dolce leggero e soffice che è stato indicato come il “cibo degli Angeli”.

Questa torta richiede l’utilizzo degli albumi montati a neve fino a quando non assume una consistenza molto rigida , poi viene miscelato ad esso un composto di zucchero , farina e cremor tartaro ( agente lievitante ) . Per fare in modo che la torta riesca bene con la lievitazione , viene utilizzata una farina di frumento per avere una “tenuta” più leggera. Naturalmente una farina di frumento delicata e la mancanza di grassi , fa si che la struttura di questa torta sia molto più leggera di struttura e gusto.

Curiosità

Esiste anche una “controparte” dell’Angel cake sviluppata in seguito all’uscita di quest’ultima.  La Devil Food Cake, comunemente nota come Torta del diavolo , è una torta al cioccolato dalla consistenza umida e morbida, farcita e ricoperta di cioccolato. L’opposto praticamente della Angel cake , perchè se quest’ultima è una torta leggera e con poche calorie e grassi , la Devil cake è un vero e proprio concentrato di calorie e grassi anche per la grande quantità di cioccolato di cui viene ricoperta sia esternamente che farcita all’interno.

Angel cake vaniglia e cacao
Leggera come una nuvola , questa variante variegata al cacao al gusto vaniglia ha meno zuccheri ed è perfetta per una prima colazione o per merenda.
Write a review
Print
Ingredients
  1. - 450 g di albumi
  2. - 200 g di farina biologica
  3. - 9 g di cremor tartaro
  4. - 1 pizzico di sale integrale
  5. - aroma naturale vaniglia bourbon
  6. - 110 g zucchero di canna chiaro
  7. - 2 cucchiai colmi di cacao amaro
Instructions
  1. Versare gli albumi ( temperatura ambiente , non da frigo ) in una ciotola molto capiente ed aggiungere un pizzico di sale. Montare gli albumi per un paio di minuti, fino a quando il composto diventa molto rigido.
  2. Mettere all'interno del composto con albumi l'aroma naturale di vaniglia ( se non trovate l'aroma naturale va bene anche i semi di baccello di vaniglia prelevando dal baccello i semini )
  3. Intanto preriscaldate il forno a 170°.
  4. Ora con una spatola o cucchiaio di legno mettere all'interno della ciotola il cremor tartaro setacciato , e un po' per volta mettere lo zucchero mescolando dal basso verso l'alto , man mano che si amalgama al composto.
  5. Infine mettere la farina setacciata (è consigliato setacciarla 2/3 volte prima di metterla nel composto) un po' per volta e amalgamare sempre dal basso verso l'alto.
  6. Prelevare metà dell’impasto in una ciotola più piccola e unitevi il cacao setacciato un cucchiaio per volta amalgamando bene.
  7. Versare ora dentro uno stampo specifico per ciambellone con buco centrale , un poco di impasto bianco , poi successivamente sopra mettere un po' di quello al cacao e di nuovo quello bianco e via così fino a esaurimento degli ingredienti ( come in foto )
  8. Infornare a 160° per circa 35 minuti.
  9. Rimuovere lo stampo dal forno e capovolgere su un piano ; La particolarità di lasciar raffreddare la ciambella “a testa in giù” impedisce al dolce di afflosciare.
  10. Appena il dolce sarà raffreddato , se non riuscite ad estrarlo dallo stampo fate passare con delicatezza un coltello sui bordi o una spatola in modo da facilitare la fuoriuscita.
  11. Guarnite con dello zucchero a velo e servite!
Notes
  1. Albumi : gli albumi devono essere a temperatura ambiente ; Se così non fosse, si possono riscaldare delicatamente al microonde, fino a 20-25°C ; Essi essendo molti sconsiglio , se non vi servono i tuorli per altre ricette , di utilizzare intere le uova. Io trovo gli albumi già pronti nei banchi frigo dei supermercati pastorizzati.
  2. Farina : la farina è consigliata di grano tenero.
  3. Lievito : anche per il lievito è consigliato utilizzare il cremor tartaro (io trovo sia nei supermercati che negozi biologici) ma volendo potete utilizzare un'altro agente lievitante con le stesse quantità per i dolci.
  4. Zucchero : la quantità di zucchero della ricetta originale varia da grammi 250 a 300. Naturalmente voi volendo potete aumentare la quantità dei 110 g se la preferite più dolce.
  5. Stampo : è consigliato uno stampo con buco centrale ; Io ne ho usato uno simil per le bundt cake di 23 cm circa ; Io per evitare che si attaccasse troppo ho oliato leggermente la teglia
coconutavocado http://coconutavocado.altervista.org/blog/
12891487_10207860768588799_2948516243160662343_o

12512762_10207860969273816_7518294503901752117_n